Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

Gershwin suite/Schubert Frames

Dicembre 12 @ 21:00

Gershwin suite/Schubert Frames

MM Contemporary Dance Company

coreografie di Michele Merola ed Enrico Morelli interpretate dai danzatori della compagnia

RIMANDATO a data da destinarsi

Concepito e coreografato da Michele Merola insieme a Cristina Spelti, “Gershwin suite” pesca dai migliori brani di Gershwin, come Summertime e Rhapsody in Blue, e dalle suggestioni provenienti dalle opere pittoriche di un altro grande artista americano del ‘900, Edward Hopper. Michele Merola ha scelto la musica di Gershwin nelle sue varie sfaccettature, non solo quindi i brani più euforici e brillanti, ma anche quelli più romantici e intimi, sensuali e seducenti. Alcune scene traggono ispirazione dal collegamento tra i diversi brani del compositore e vari quadri – come New York Movie, Soir Bleu, Summer in the City, People in the Sun – di Edward Hopper, pittore che, grazie al suo realismo, è considerato un artista capace di rappresentare in maniera poetica ed evocativa momenti anche umili e semplici della vita quotidiana. «Sono stato attratto – confida il coreografo – dalla capacità del pittore di costruire atmosfere e sfumature che tratteggiano risvolti e segreti della condizione umana. Le scene creano personaggi e situazioni non determinate una volta per tutte, ma aperte a diversi finali e soluzioni». All’intimità dei passi a due e degli assoli, si aggiungono le scene di insieme, dove voglia di vivere e riscatto dal quotidiano prendono il sopravvento. La scena assume le sembianze di un set cinematografico, grazie anche ad una scenografia cangiante, curata da Alice De Lorenzi, e ad una coreografia proteiforme, figlia della versatilità di Merola.

Enrico Morelli cura la coreografia della seconda parte della serata “Schubert Frames”, dedicata alla musica straordinaria di Franz Schubert: nessuno meglio del compositore viennese ha saputo interpretare sentimenti contrastanti come l’amore, la tensione, la malinconia, il rimpianto, la speranza. Un collage di celeberrimi brani fanno da colonna sonora a questo lavoro dedicato alle molte anime dell’uomo contemporaneo, dove l’amore lascia il posto al disinganno, il distacco alla condivisione, la passione al timore, in un andirivieni di crescendo e diminuendo che disvela universi arcani e legami segreti. La coreografia non ha alcuna pretesa descrittiva: è un racconto astratto di solitudini e anime affini, in un’epoca come la nostra, stanca, torbida, disincantata, tormentata da un malessere che si respira nell’aria, ma anche ansiosamente alla ricerca di un senso e di una speranza di felicità. È un racconto in cui ci si focalizza soprattutto sul momento del ritorno, dal momento che la felicità è una casa in cui tornare, magari cambiati, incuranti della velocità accelerata di un presente che ci spaventa e di un futuro che magari si ha timore di esplorare. Il problema non è arrivare, ma tornare. Imparare ogni volta ad amare, di nuovo. Avere il coraggio di riconoscersi fragili, generosi nella tenerezza.

 

Biglietti 21 euro (ridotto 10 euro per scuole di danza)

Lo spettacolo è un recupero della data originale sospesa a causa dell’emergenza COVID 19. Restano validi i biglietti e abbonamenti già acquistati.

La biglietteria del Teatro Alfieri è aperta martedì e giovedì dalle 14 alle 18, e mercoledì e venerdì dalle 10 alle 14. Info: 0141.399057-399040.

Dettagli

Data:
Dicembre 12
Ora:
21:00
Categoria Evento:

Organizzatore

Teatro Alfieri

Luogo

Teatro Alfieri
Via Teatro Alfieri, 2
Asti (AT), 14100 Italia
+ Google Maps
Telefono:
0141.399057